Terza vittoria stagionale nei quattro derby disputati, ottavo successo su otto gare nei play-off e connessione stabilita per gli aggiornamenti da Lecce: la Fortitudo Trani continua la gloriosa corsa irrefrenabile verso la serie C Silver conquistando la stracittadina con la F.lli Lotti New Juve Trani per 75-78. In una gara condotta a senso unico dai biancoazzurri, ospiti per l’occasione, coach Totaro ed il suo roster trovano il 16esimo punto stagionale in graduatoria che permette di staccare momentaneamente l’inseguitrice Scuola di Basket Lecce a 6 punti: in caso di sconfitta di questi ultimi contro i cugini del New Basket nel match di questa sera, la Fortitudo sarebbe matematicamente campione di Serie D. In caso contrario, tutto sarebbe rimandato alla penultima giornata di campionato in programma domenica prossima ed in cui proprio SDB Lecce e Fortitudo Trani si sfideranno al PalaAssi.

Nonostante una prestazione non brillante come le altre messe in mostra nell’arco della stagione, capitan Di Lauro e compagni si assicurano il successo nella stracittadina. Una partita sempre sotto controllo delle aquile comincia con difese blande che regalano ben 52 punti totali nei primi 10 minuti: tre triple di Triglione e tanta concretezza sotto canestro di Barbera conducono verso il 25-27 in favore della Fortitudo al termine del primo quarto. Nel secondo periodo la capolista tenta l’allungo, toccando anche i dieci punti di margine grazie alla buona successione a canestro di Barbera, Logoluso ed Acella. Liso riporta avanti i suoi, non riuscendo comunque a ridurre lo svantaggio oltre i sette punti: all’intervallo il tabellone segna 42-49 per le aquile.

Difesa di ferro e ripartenze sono gli ingredienti giusti per un ulteriore allungo nella ripresa: Santos e Di Lauro aggiungono grana a referto seguiti da Di Leo, Acella e Logoluso per un break di sedici punti nel terzo periodo. A dieci minuti dalla fine la Fortitudo conduce per 53-66, calando un’ipoteca sulla vittoria finale. Proprio la sicurezza di avere già in pugno il match, unita ad una particolare non incisività delle individualità biancoazzurre, offre un margine di speranza alla Juve Trani negli ultimi dieci minuti. Il distacco si riduce drasticamente fino al meno 3, prima che Barbera metta a segno una ripartenza e successivi tiri liberi che smontano i sogni di sorpasso delle orche bianconere. Il risultato finale è di 75-78 per i biancoazzurri. Al PalaAssi si respira profumo di festa, ma c’è ancora da attendere: occhi puntati su Lecce e sguardo fisso verso la “C” Silver.